Il complotto e l’ideologia

Il ministro Gelmini dichiara oggi in una intervista a Repubblica:

Sono contraria ai contributi chiesti ai genitori per le spese di funzionamento della scuola, perché i soldi ci sono e chi se li fa dare dalle famiglie lo fa per attaccare il governo“.

Apprezzo la contrarietà del Ministro ai contributi dei genitori, ma come mai la scuola frequentata dai miei figli, dove peraltro i soldi dati dai genitori sono relativamente pochi rispetto a molte altre scuole della provincia, rischia i decreti ingiuntivi dai fornitori e di non riuscire a pagare gli stipendi dei supplenti perché non ha sufficienti risorse liquide, nonostante vanti crediti verso il Ministero per più di 200mila euro relativi ancora al 2008 e al 2009? E’ una scuola di insegnanti spreconi, con una Preside incapace e fomentatrice dell’odio di classe verso il Ministro? Ma quanti sono in giro per l’Italia gli insegnati spreconi e i Presidi incapaci e sovversivi? Forse che sia necessario fare tabula rasa del personale scolastico (altro che 130000 posti) per manifesta incapacità?

Come al solito siamo alla teoria del “complotto”:  quello nei confronti della Gelmini in effetti ci mancava!

Vorrei anche dire che sono un po’ stufo delle polemiche su chi compra la carta igienica. Stiamo assistendo all’impoverimento dell’offerta formativa nel senso più ampio del termine e, di conseguenza, al furto delle speranze in un futuro migliore per i nostri figli e il paese, ma uno dei temi che più scatena l’opinione pubblica (giornali compresi) è se sia giusto che a pagare la carta igienica siano i genitori. E’ una provocazione, ma neanche tanto.

Credo che la decadenza della scuola pubblica italiana abbia avuto inizio ben prima dell’arrivo della valente Ministra, ma, di fronte a dichiarazioni così spudoratamente false, capisco come poi sia praticamente impossibile discuterne in modo, non dico sereno, ma almeno serio e non ideologico.

Del resto perché il tema scuola dovrebbe fare eccezione rispetto al resto del “dibattito” politico?

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: